Il francobollo

Correva l’anno 1957. Precisamente era il 10 giugno quando venne emesso un francobollo che celebrò il bimillenario della nascita del poeta Publio Ovidio Nasone, nato il 20 marzo del 43 a.C..

Questo avvenimento fu molto importante per la città di Sulmona e, soprattutto, fu gratificante per la cultura latina, culla materna di quella italiana. Ovidio può essere infatti considerato un autore moderno ed attuale in quanto la maniera con cui il poeta cantò l’amore si distaccò totalmente dagli altri autori.

Nel 2017 si celebra il bimillenario della morte dell’augusto poeta, avvenuta nell’anno 17 d.C.. Il comune di Sulmona, insieme a quello di Costanza (città della Romania che in epoca romana si chiamava Tomi/Tomis, dove Ovidio venne esiliato) con il quale è gemellato, è impegnato nell’iter volto a ottenere un francobollo celebrativo della ricorrenza.

 

L’Amministrazione comunale ha consegnato al Ministro la documentazione necessaria per poter avviare la richiesta di emissione di un francobollo commemorativo, congiunto con lo Stato della Romania, per celebrare la ricorrenza. Il Ministro ha accolto con entusiasmo la richiesta e ha garantito ogni utile appoggio all’iniziativa.