Bimillenario, anche la Legge consacra Publio Ovidio Nasone

Pubblicato il Pubblicato in Notizie

L’Anno ovidiano diventa realtà. La proposta ha avuto il via libera definitivo della Camera. Il 2018 sarà l’anno di consacrazione delle celebrazioni del bimillenario della morte del poeta latino Publio Ovidio Nasone. Il testo approvato è il frutto del lavoro su due disegni di legge depositati in Senato che prevedono il sostegno dello Stato ai progetti di promozione, ricerca, tutela e diffusione della conoscenza della vita, dell’opera e dei luoghi legati alla figura di Ovidio. Il finanziamento concesso è pari a 700 mila euro, da spalmarsi nelle due annualità 2017/2018.

Verranno promosse le attività didattico-formative e culturali sul Sommo Poeta; il recupero, restauro e riordino del materiale storico e artistico che lo riguarda, con l’individuazione della città di Sulmona quale sede idonea ad ospitare un museo tematico; il recupero edilizio e la riorganizzazione dei luoghi legati alla sua vita, tra Sulmona e la Valle Peligna, per la costituzione di un Parco letterario ovidiano, quale itinerario turistico – culturale; il gemellaggio tra Sulmona e Roma, nonché la ricerca in materia di studi ovidiani.

E’ stato previsto inoltre un Comitato promotore per le celebrazioni ovidiane con la partecipazione delle amministrazioni locali, affiancato da un Comitato scientifico composto da dieci personalità di chiara fama in materia di studi ovidiani. Senza dimenticare un Comitato di cinquanta giovani studiosi under 25 dell’opera ovidiana.

La lieta notizia ha soddisfatto in primis il ministro dei Beni culturali e turismo, Dario Franceschini: “Dopo l’approvazione delle celebrazioni per i cinquecentenari della morte di Raffaello e di Leonardo da Vinci e della pubblicazione della prima edizione dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, con il bimillenario della morte di Ovidio nel 2018 si riprende a tessere il filo della memoria del patrimonio intellettuale del Paese. Le grandi ricorrenze, dimenticate per anni, tornano a essere celebrate con gli onori e il rigore scientifico che meritano”.

Dello stesso avviso la senatrice abruzzese Stefania Pezzopane: “Una somma davvero importante ed utile, segno di un grande sforzo del ministero dei Beni culturali. Uno splendido regalo di Natale ed un augurio per un Buon 2018 a Sulmona ed alla Valle Peligna terra di Ovidio. Ringrazio il ministro Franceschini ed il sottosegretario Cesaro per il sostegno costante ed il capogruppo del Pd Ettore Rosato per averci sostenuto per l’approvazione alla Camera”.

Grande soddisfazione è stata espressa anche dalla senatrice sulmonese Paola Pelino: “Il più bel regalo di Natale per il mio territorio. I 700 mila euro, che saranno investiti per una serie di eventi che andranno a ribadire l’importanza della figura di Ovidio, sono risorse fondamentali in un periodo di profonda crisi. Sono certa che saranno utilizzate nel migliore dei modi e serviranno alla cultura e all’impulso economico del territorio. Un successo che ha un sapore ancora più dolce per chi, come sosteneva lo stesso poeta latino, ha l’ardire di difendere ciò che ama”.

Raggiante il sindaco di Sulmona Annamaria Casini: “È con grande gioia che apprendo la notizia dell’approvazione della legge per il Bimillenario ovidiano. Ringrazio il sottosegretario Antimo Cesaro, che ha seguito con molta perseveranza l’iter della legge e che ha avuto cura di chiamarmi appena conclusa la seduta formulando gli auguri al sindaco e a tutta la città di Sulmona per l’opportunità di realizzare nuovi e importanti progetti culturali nel nome di Ovidio. Ringrazio le senatrici Stefania Pezzopane e Paola Pelino e quanti hanno contribuito affinché l’iter arrivasse a buon fine. Il Bimillenario, cominciato lo scorso aprile con un prestigioso Convegno internazionale di studi ovidiani conclusosi con la visita del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, onorando la città e Ovidio, suo figlio più illustre, potrà proseguire con progetti di più ampio respiro finalizzati alla valorizzazione di Sulmona e del suo comprensorio”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *