Il Bimillenario Ovidiano fa tappa a Roma

Pubblicato il Pubblicato in Notizie

Il Bimillenario ovidiano e la città di Sulmona sono stati protagonisti della mostra “Ai Confini della Meraviglia”, l’iniziativa del ministero del Turismo per valorizzare l’offerta turistica dei borghi italiani. La mostra in corso di svolgimento alla Terme di Diocleziano a Roma nell’ultimo fine settimana ha acceso i fari su “Paesaggi d’autore”, illustri personaggi legati alla cultura italiana e loro località, e in particolare su Ovidio e le celebrazioni organizzate in occasione del bimillenario dalla sua morte.

Del poeta sulmonese ha parlato un altro personaggio caro alla cittadina peligna, l’attore Gabriele Cirilli, testimonial dell’iniziativa. Nella giornata dedicata ai Paesaggi d’autori, Ovidio è stato in compagnia di altri personaggi della cultura italiana che hanno segnato la storia dei propri territori: da Giovannino Guareschi a Federico Fellini.

La presenza di Ovidio e del Bimillenario alla mostra di Roma è opera della DMC “Terre d’amore in Abruzzo” che ha organizzato una serie di iniziative ed eventi di promozione del territorio e del messaggio culturale ovidiano. Oltre al colloquio ovidiano di Gabriele Cirilli, l’appuntamento alla mostra “Ai confini della meraviglia” ha previsto il racconto delle opere del Sommo Poeta, interpretazione con accompagnamento musicale e la proiezione di due video: “Il Bimillenario Ovidiano” realizzato da Sulmonacinema e la “Storia di Ovidio” di Pietro Faiella, prodotto da Dmc.

I Paesaggi d’Autore rappresentano un sistema di itinerari tematici collegati in circuiti, coordinati tra loro, con l’obiettivo di offrire un prodotto turistico unitario e di qualità. È nata così la mappa delle Località dei Personaggi d’Autore: luoghi, musei, case natali, distribuiti sul territorio delle varie regioni italiane che rappresentano una risorsa capace di contribuire in maniera incisiva alla diversificazione e destagionalizzazione dell’offerta turistica, alla valorizzazione del patrimonio culturale dei centri ancora poco conosciuti e all’incentivazione del turismo culturale di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *