Un cocktail per Ovidio, anzi due

Pubblicato il Pubblicato in Notizie

Anche l’Istituto alberghiero “E. De Panfilis” di Roccaraso in campo per le celebrazioni del Bimillenario della morte del poeta Ovidio. Gli studenti dell’indirizzi sala-bar, su invito del Dirigente scolastico, Massimo Di Paolo, hanno deciso di omaggiare a loro modo il poeta latino cantore dell’amorecon i loro strumenti preferiti: sapori e profumi tutti da bere. Il progetto “un cocktail per Ovidio” porta la firma degli studenti Christopher Zimeo ed ErolNeziri (classe V sala), coadiuvati da Michela Battaglia e Bartolomeo Pietronigro (classe IV sala) e guidati dal docente di Laboratorio Sala-Bar, Giorgio Aprea. Dalle loro ricerche sono nati due cocktail dedicati al poeta sulmonese.

Il primo è Confecta Passio ed è un vero e proprio “inno” alla passione amorosa cantata da Ovidio nelle sue opere. La base alcolica è il Gin, distillato di cereali, aromatizzato con bacche di ginepro. Nella mitologia mesopotamica il Ginepro era la pianta sacra legata aIštar, dea dell’amore e della fertilità. Poi purea di frutti rossi per dare al drink il colore dell’amore, richiamata anche nell’utilizzo della Passoa, liquore al frutto della passione.

Sulmona è presente nel cocktail con il liquore al confetto, così come l’Abruzzo intero con l’Aurum, specialità pescarese a base di brandy e arancia, le cui note ben si accordano con l’aroma di mandorla che aleggia sulla coppa del drink. Sui contrasti gioca il secondo cocktail:Amygdala (‘mandorla’’).

Questo nome perché la mandorla è frutto tipico dei confetti di Sulmona, ma anche perché l’amigdala è la “piccola mandorla” posta alla base del cervello, sentinella delle nostre emozioni, che gioca un ruolo importante anche nella seduzione dell’amore. E Sulmona e l’amore sono componenti imprescindibili della vita e dell’opera di Ovidio. In questo drink trovano spazio una base di rum, liquore al confetto sulmonese, che ben si sposa col retrogusto amaro del caffè. Anche qui Aurum, che è un richiamo anche all’altro grande poeta abruzzese, Gabriele d’Annunzio.

A completamento panna montata. Bianco e nero. Maschile e femminile, che si fondono in bocca e vengono completati da una spolverata di pestato di confetto rosso. Il colore dell’amore.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *